Letteratura - Satira

A sentille discurre

A sentille discurre ‘ste persone,
‘n frammezzo a sti montona de bugie
‘n t’arcapezze più chi è ‘l minchione.
E’ quil che urla o quil che sta a sentie?

Leggi tutto

Scoltme, e m’è da dì se ‘ciò ragione

Scoltme, e m’è da dì se ‘ciò ragione!
C’è sempre chi te spffia ‘nto n’orecchio
Che ‘l monno è boja, schifo e più che vecchio,
perchè a cussì l’ardetto ‘l sor padrone.

Leggi tutto

Amabilissimo dottore

Amabilissimo dottore.
Son da luglio qui in Cadore.
E al silenzio più assoluto
Faccio ammenda col saluto.
Un saluto un po’ tardivo

Leggi tutto

Si t’aguarda con quij’occhiete nere

Si t’aguarda con quij’occhiete nere,
desotta a ‘na coccia tutta pelèta,
par che dica – Nso mica nèto iere!
Io fo curre j’altre na giornètà -.

Leggi tutto

Aforisma

“Se il disgusto si manifestasse con una luce rossa,
molti di noi saremmo eterni semafori allo stop.”

AFORISMA

Leggi tutto

St'ingegnere Grossi

Fa conto, l’bubblàe de ‘n temporèle
Che te scoppia de ‘n colpo lì vecino,
nchi lampa, i tona, j’urla d’animèle
e ‘l vento che fistia ntol capino.

Grossi è cussì, ta nissun’altro uguèle
Se se mette a vociarà col più vecino;
che, ditto tra noe, je viene ‘l mèle,
sentisse trezzecae su pancino.

Leggi tutto

Dante Filippucci

Arnì da Por’ Sant’Angelo ‘na volta,
eva come arnì co j’ossa rotte,
e c’eva gente n’co ‘na lèngua sciolta,
da fasse ‘ntende a base de cazzotte.

Leggi tutto

Ezio Lupattelli

L’esseve visto vo’ a quinnicianne
Come l’ò visto nco sti mi occhi,
sto diasquelo d’Ezio, Ddio te scanne,
gnavriste dèto manco dò baiocchi.

Leggi tutto

Monte Malbe


‘Na volta a monte Malbe ce se giva
A coje i fonga, j sparneci e le more,
e si ce stéva pu’ ‘n’anima viva
nun’nn era certo tlì pr fà l’amore.

Leggi tutto