A sentille discurre

A sentille discurre ‘ste persone,
‘n frammezzo a sti montona de bugie
‘n t’arcapezze più chi è ‘l minchione.
E’ quil che urla o quil che sta a sentie?

L’ònno batizzeta ‘l sè “contestazione”
E per quil che m’è parso de capie
Vorribbero dà foco, tal padrone
E tal quilli che lo stonno a servie.

Ma i tempa de ‘na volta son cambiète
E inn’ogge ‘nn se descurre che d’idèe,
de programme, de liste e candidète,

che quanno tu li vè béne a tastèe
anche a dièsse mille volte scaltro,
che ce scaje? Le chiacchiere e nient’altro.