Scoltme, e m’è da dì se ‘ciò ragione

Scoltme, e m’è da dì se ‘ciò ragione!
C’è sempre chi te spffia ‘nto n’orecchio
Che ‘l monno è boja, schifo e più che vecchio,
perchè a cussì l’ardetto ‘l sor padrone.

T’arpete sta cilacca per parecchio
.... che ‘nè capito lintenzione
D’arsolve tutto cna rivoluzione.
Doppo tutto sarà come no specchio.

E tu che sorso ‘nsè coji l’invito.
Prenni lo schioppo e giù ... del portone
E lu ... sta? Drento e n’ move ‘n dito.

E alora me s’è dì chi è ‘l minchione
Se quanno tutto sarà finito
Se t’artrova lu come padrone?