Si t’aguarda con quij’occhiete nere

Si t’aguarda con quij’occhiete nere,
desotta a ‘na coccia tutta pelèta,
par che dica – Nso mica nèto iere!
Io fo curre j’altre na giornètà -.

E lu’ nse move e on da nì i pompoere,
ncla grù, pe spostallo d’na metrèta.
Chi vole ‘l pan se ‘l fietti per piacere,
che sta lumeca stracca e sfatigheta,

nunn’arisponne manco al Ministero,
se l’esson da chiamè più che d’urgenza.
E tiste nsonno storie! E’ tutto vero!

Na volta sola, de curre je toccòe,
mica per avè perso la pacienza,
ma quando p’na magneta se purgòe.