St'ingegnere Grossi

Fa conto, l’bubblàe de ‘n temporèle
Che te scoppia de ‘n colpo lì vecino,
nchi lampa, i tona, j’urla d’animèle
e ‘l vento che fistia ntol capino.

Grossi è cussì, ta nissun’altro uguèle
Se se mette a vociarà col più vecino;
che, ditto tra noe, je viene ‘l mèle,
sentisse trezzecae su pancino.

Si tu esse da fè na bisboccièta
Per gì a truvè ‘n po’ d’allegria
È da sceje ta lù per cmpagnia,
e sta securo finireste ‘n sacrisitia
mica pe sgravatte di pecchèta,
ma pe studiè col prète la magnèta.